CasaPound: “la nostra costiera sempre più una discarica a cielo aperto”

COSTIERA AMALFITANA, 5 OTTOBRE 2017 – “Via Nastro Azzurro, una delle strade più famose al mondo e che collega la Penisola Sorrentina alla Costiera Amalfitana, percorsa da migliaia di turisti provenienti da ogni parte del mondo, riversa in uno stato pietoso a causa dei rifiuti abbandonati lungo la strada, trasformando l’intera parte sottostante in una gigantesca discarica a cielo aperto”. Così dichiara Tommaso Guarracino responsabile di CasaPound Penisola Sorrentina in una nota.

“A seguito di una nostra segnalazione – prosegue la nota del movimento – la Sarim (società che si occupa dei rifiuti per il comune di Vico Equense) ha provveduto a ripulire la piccola pineta che si trova lungo la strada.
Noi di CasaPound Italia abbiamo completato l’opera ripulendo anche la piazzola antistante la pineta stessa”.

“Resta comunque lo stato di degrado delle altre piazzole di sosta (che si trovano lungo la strada che attraversa oltre il territorio del comune di Vico Equense anche quelli di Piano di Sorrento e Positano) e sopratutto l’enorme quantità di rifiuti, molti dei quali altamente inquinanti (quali Viapol, Eternit e varie latte di vernici e altri agenti chimici) che inquinano la macchia mediterranea: non di certo un bel biglietto da visita per l’enorme mole di turisti che visitano l’area”.

“Con questa nostra denuncia – conclude la nota – auspichiamo che le autorità competenti rimuovano al più presto tutti i rifiuti abbandonati in un luogo che dovrebbe essere fiore all’occhiello per la Campania e l’Italia intera e che si prendano tutte le misure necessarie per impedire agli incivili di perpetrare questo scempio”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

SE VUOI… PUOI