Tutti gli articoli di mattia_pellecchia

CasaPound contro l’abbandono del “Pala Argento”

Questo pomeriggio siamo stati nel quartiere Fuorigrotta per protestare e sensibilizzare la cittadinanza contro lo stato di abbandono in cui versa da ormai 20 anni la zona del palArgento, un tempo il più grande palazzetto dello sport del sud Italia, e oggi monumento del degrado e dell’abbandono.

É inammissibile che neanche nell’ottica delle universiadi di Napoli si sia presentato un progetto serio di riqualificazione, con la giunta e l’assessore allo sport troppo impegnati in pagliacciate come “il fantacalcio delle municipalità” piuttosto che occuparsi degli impianti sportivi della nostra città.

Il programma di CasaPound Italia Napoli prevede la riqualificazione di tutti gli impianti sportivi del quartiere Fuorigrotta, per far tornare il quartiere alla sua naturale e originale funzione di “cittadella dello sport” per tutti i Napoletani.

“PALARGENTO” in stato di abbandono.

Donazioni di coperte ai senzatetto delle stazioni di Aversa e Caserta

Questa notte abbiamo effettuato la prima donazione di coperte ai senzatetto che vivono all’esterno delle stazioni di Aversa e Caserta.
La loro presenza sempre più numerosa sul nostro territorio ci fa capire quanto questo fenomeno stia assumendo un carattere d’emergenza, completamente ignorato da amministratori e politici locali.

Oltre le coperte abbiamo distribuito latte, thè caldo e biscotti, portando un po’ di conforto e calore a chi è che vive in strada non avendo su un posto dignitoso dove vivere o una famiglia su cui contare.

La distribuzione continuerà nei prossimi giorni per fornire un primo valido contributo al contrasto di questa emergenza che dilaga sempre più sul territorio casertano.

Impianto di Compostaggio a Sassinoro (BN), blitz di CasaPound

Impianto di Compostaggio a Sassinoro (BN), blitz di CasaPound

Benevento, 27 novembre. “Il Sannio non è una discarica”: così recita lo striscione affisso durante la notte dai militanti di CasaPound Italia Benevento all’ingresso della sede della Provincia di Benevento. I militanti hanno scaricato 50 sacchi neri per contestare l’apertura dell’ennesimo sito di stoccaggio rifiuti sul territorio della provincia di Benevento.

“Quello che sta accadendo nella provincia è inverosimile – scrive il movimento in una nota -; dopo i disagi creati alla viabilità e alla sanità pubblica e il grave inquinamento dei corsi fluviali, ecco che la Regione spara un’altro colpo decisivo contro il Sannio: installare un impianto di compostaggio nel comune di Sassinoro”.

“E’ assurdo che si prendano decisioni simili senza aver fatto valutazioni adeguate – dichiara Pasquale Piantedosi, portavoce beneventano di CasaPound Italia – senza aver coinvolto la cittadinanza per l’impatto che un impianto simile può avere. L’impianto dovrà produrre 22.000 tonnellate di rifiuti organici ogni anno e ricade all’interno dei corridoi ecologici del fiume Tammaro, a ridosso di un’area ricchissima di corsi d’acqua che sfociano nell’invaso di Campolattaro, le cui acque sono destinate alla potabilizzazione. Inoltre il comune di Sassinoro si trova in una zona ad alta sismicità e lo stabile che ospiterà il mega-impianto è in disuso ormai da anni”.

“Per questi motivi chiediamo dunque – conclude Piantedosi – che i lavori per l’apertura vengano sospesi e che questo progetto folle e scellerato venga abbandonato. Non possiamo accettare che sia messa a serio rischio la salute pubblica e venga compromesso lo sviluppo di un intero comprensorio: insomma, l’ennesimo torto subito dai cittadini del Sannio, che non vengono mai tutelati dalle istituzioni e dalla politica. Ma il Sannio è casa nostra e non un territorio destinato a diventare una discarica, e se pensate che vi lasceremo venire qui e fare come vi pare, affossando ulteriormente questo territorio vi sbagliate di grosso”.